Medici di famiglia: il settore arranca

L'Italia è seconda in Europa per il numero di medici, ma scende al decimo posto se si considerano i soli medici di famiglia, il primo punto di riferimento della sanità pubblica per i cittadini. 

Secondo le ultime stime pubblicate dall'Eurostat, tra 21 Paesi dell'Unione Europa, quelli che possono vantare un più alto numero di medici generici in relazione alle dimensioni della popolazione sono il Portogallo (253 per 100.000) e l'Irlanda (179 per 100.000). All'altro capo della classifica troviamo la Grecia (42 per 100.000 abitanti).

Al decimo posto della scala, ovvero superati anche da Olanda, Belgio e Cipro, troviamo l'Italia dove ne abbiamo 89 ogni 100.000 abitanti. Sono complessivamente 54.000, ma sempre più anziani e prossimi alla pensione, quindi il loro numero è destinato a scendere nei prossimi anni.

"I dati mostrano, che in questi anni si è investito poco nella formazione in cure primarie rispetto alle cure specialistiche", commenta a dottnet.it Silvestro Scotti, segretario della Federazione Medici di medicina Generale (Fimmg).